Bes Puglia, emergenza lavoro per donne e giovani

30-04-2021 14:38:27

“La Puglia è entrata nella crisi pandemica già con evidenti fragilità sociali ed economiche, e il report che abbiamo realizzato ci dice che sono state inevitabilmente aggravate dall’emergenza sanitaria. Un dato su tutti è il seguente: un pugliese su tre è a rischio povertà e questa condizione è figlia di un mercato del lavoro dove prevalgono settori a basso valore aggiunto, una domanda poco specializzata, salari bassi e tanto precariato. Per questo insistiamo con il dire che si esce da questa crisi solo investendo su buona occupazione che aumenti soprattutto la partecipazione di donne e giovani al mercato del lavoro, rafforzando le tutele sociali, innalzando il livello di innovazione delle nostre imprese, creando condizioni di contesto che rendano attrattivo e competitivo il territorio”. È la lettura che fa il segretario generale della Cgil Puglia, Pino Gesmundo, del report “Il benessere in Puglia tra pandemia e resilienza”, un’analisi regionale dei dati del Bes Istat realizzata assieme al centro studi della Fondazione Rita Maierotti. Il report è stato presentato questa mattina presso la sede della Cgil Puglia a Bari, alla presenza degli assessori regionali al Lavoro, Sebastiano Leo e al Welfare, Rosa Barone.

Consulta il report integrale: https://issuu.com/cgilpuglia/docs/report_bes_2020

 

MARIANO: SERVIZI SOCIO-SANITARI TORNATI CENTRALI CON PANDEMIA A curare il report la coordinatrice della ricerca per la Fondazione Rita Maierotti, Elisa Mariano, e Anna Villa, dottoranda in Ricerca sociale applicata alla Sapienza. E proprio Mariano ha illustrato i principali indicatori selezionati, attraverso i quali leggere le condizioni di benessere della popolazione pugliese. “I temi della salute e dell’assistenza sanitaria sono prepotentemente tornati centrali dopo anni di tagli e ridimensionamenti, per questo abbiamo voluto dedicare il primo capito alla qualità dei servizi socio-sanitari in Puglia. La sfida del futuro è tornare a crescere ma anche generare benessere, abbattere le disuguaglianze. E’ questo il fil rouge che ci ha guidati nella scelta dei domini da analizzare e che, in qualche misura, unisce i capitoli di questo report, ciascuno dei quali approfondisce la condizione della Puglia rispetto a tematiche cruciali ed importanti come, appunto, salute, qualità dei servizi, istruzione e formazione, a cui quest’anno si è aggiunto un inedito affondo sul tema del digitale, sia dal punto di vista della diffusione di infrastrutture e dotazione di device, sia da quello dell’utilizzo da parte di persone e famiglie che delle competenze digitali, e un focus sulle relazioni sociali e la partecipazione così duramente messe alla prova dalla pandemia”.

 

BARONE E LEO: CREARE CONDIZIONI DI ACCESSO AL LAVORO CON WELFARE E FORMAZIONE Ha voluto ringraziare la Cgil Puglia l’assessore Rosa Barone, “perché la politica deve partire dai dati per dare risposte concrete ai cittadini. In Puglia c’è il gap più alto d’Italia tra le percentuali di occupazione maschile e femminile. È necessario lavorare per invertire la rotta e lo stiamo facendo in sinergia con gli altri assessorati: serve coordinarsi per poter ricostruire in tutti i settori e far fronte alle conseguenze della pandemia. Nella giornata internazionale dei diritti delle donne abbiamo presentato gli obiettivi dell’agenda di genere e gli strumenti per realizzarli. Le azioni saranno orientate a promuovere interventi volti alla conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare e promuovere forme d’incentivazione o criteri preferenziali nell’attribuzione di incentivi alle aziende che adottino un’organizzazione del lavoro family friendly. Stiamo lavorando per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, che passano anche attraverso i tempi e gli orari delle città, e per il potenziamento dei sistemi di welfare territoriali integrati e di strutture per la cura e assistenza agli anziani e degli asili nido”.

Per Sebastiano Leo è necessario assieme “continuare a lavorare sostenendo l'occupazione giovanile con programmi come Garanzia Giovani e l'alta formazione con bandi come Pass Laureati e percorsi di specializzazione come quelli erogati dai nostri ITS. A breve ci ritroveremo a fare i conti con le conseguenze della fine blocco dei licenziamenti ed è quindi importante prepararsi per offrire risposte ad una platea di lavoratori espulsi dal mercato del lavoro tramite percorsi di riqualificazione e ricollocazione ma anche favorendo l'autoimpiego e l'autoimprenditorialità. Lo sviluppo di queste dinamiche deve vederci tutti protagonisti ed è per questo che la collaborazione con le organizzazioni sindacali, e quindi con la Cgil, anche grazie a dossier come quello presentato oggi, continua ad essere fondamentale per costruire la Puglia di domani”.

 

LAVORO IN PUGLIA: DONNE E GIOVANI PIÙ PENALIZZATI. ALCUNI DATI Emerge con forza dalla lettura dei dati il tema della mancata partecipazione al mercato del lavoro di donne e giovani. Se infatti l’occupazione maschile è del 64,8% (la media Italia è del 72%) quella femminile crolla al 35,5%, facendo della nostra regione quella con il maggior gap di genere. Si registra inoltre una mancata partecipazione complessiva che sfiora il 30% (38,2 per le donne), e supera il 29% la quota dei Neet, i giovani che non sono impegnati nella ricerca di occupazione o in percorsi di formazione. A scoraggiare un mercato del lavoro dove i dipendenti con bassa paga (una retribuzione oraria pari inferiore a due terzi di quella mediana) sono il 17%, e uno su quattro di chi lavora con contratti a termine e precari lo fa da oltre 5 anni. E che la domanda di lavoro non sia specializzata ce lo dice anche l’indicatore degli occupati sovra-istruiti, il 24,5%. E le donne subiscono una seconda penalizzazione: quelle con figli in età prescolare hanno un tasso di occupazione inferiore a quelle senza figli. Inoltre, se per le donne il part time involontario in Puglia è al 23%, per gli uomini è all’8%.

 

GESMUNDO: COGLIERE OCCASIONE CHE DERIVA DA RISORSE EUROPEE “Lo scenario descritto non è consolante e ancora non è del tutto chiaro lo shock che produrrà l’emergenza sanitaria che stiamo ancora attraversando. Penso alla fine del blocco dei licenziamenti ad esempio. Per questo motivo – conclude il segretario generale della Cgil Puglia – affidiamo ai decisori politici questo report, affinché nella programmazione dei fondi strutturali 2021-2027 si tenga conto di queste criticità, e un confronto con la Regione e gli assessorati, come ricordato da Leo e Barone, è già aperto. Abbiamo la straordinaria opportunità di avere davanti una stagione che mai come in questa occasione vede l’Europa mettere a disposizione, soprattutto dei territori più arretrati, una mole ingente di risorse. Abbiamo detto che ci aspettavamo maggiore attenzione per il Sud ma quel che ci preoccupa, al di là delle percentuali promesse, è che il sistema Puglia sia in grado di saper programmare, cantierizzare, spendere. Le risorse del Pnrr non potranno essere rimodulate. Penso all’opportunità che deriva dai fondi per la transizione energetica, all’ammodernamento della Pubblica amministrazione, al potenziamento delle infrastrutture, all’innovazione. Non avremo una seconda chance e non vorremmo, già dal Bes regionale del prossimo anno, certificare attraverso i numeri il fallimento di questa fondamentale opportunità per costruire un futuro diverso per la Puglia e l’intero Paese”.

La diretta della presentazione: 


Condividi sul tuo social preferito