Autonomia differenziata, bene passo indietro di Emiliano

Gesmundo: altro che autonomia, serve un forte ruolo perequativo dello Stato, che deve investire risorse al Sud per la crescita, il lavoro, la formazione, il welfare

14-02-2019 10:45:25

“Apprezziamo la scelta del presidente Emiliano di sospendere la richiesta della Regione Puglia circa il trasferimento di deleghe da parte dello Stato dentro un progetto autonomia rafforzata. Da tempo chiedevamo al governatore di non unirsi al coro delle regioni del Nord, perché si rischiava di legittimare da Sud la richiesta di un regionalismo a geometria variabile che maschera un disegno politico egoistico, che punta a spezzare un patto solidaristico che è quello della Costituzione italiana”. E’ quanto ha affermato il segretario generale della Cgil Puglia, Pino Gesmundo, tra i relatori del convegno della Cgil che si è tenuto questa mattina a Roma dal titolo “Quale autonomia differenziata?”, con i lavori conclusi dal segretario generale Maurizio Landini.

“Viviamo in un paese che sul piano dello sviluppo, del lavoro, dei redditi, dei servizi, viaggia a due velocità – prosegue Gesmundo -. In Puglia, pur essendo omogenei demograficamente con una regione come l’Emilia Romagna, già oggi subiamo un trattamento discriminatorio nell’accesso al Fondo sanitario nazionale. Stesse dinamiche e stessi criteri discriminatori si ritrovano anche nell’assegnazione delle risorse per le università, con quelle del Sud sempre più penalizzate. Allora altro che autonomia, serve un forte ruolo perequativo dello Stato, che deve investire risorse al Sud per la crescita, il lavoro, la formazione, il welfare. Allora chiediamo a Emiliano di mettersi alla testa di un progetto e un movimento di opinione che parta da Sud, dalle sue amministrazioni regionali, dalle sue città metropolitane, per chiedere al Governo il capovolgimento del paradigma politico scelto, che guarda e premia il Nord e rischia di affossare per sempre il Mezzogiorno del Paese”.

In allegato la relazione svolta dal segretario generale della Cgil Puglia al convegno "Quale autonomia differenziata?"

Risorse

02-02-2017 10:07:50

Relazione Gesmundo

Condividi sul tuo social preferito