Vertenza Ilva, Cgil Puglia: "Nessun taglio a salari e occupazione"

10-10-2017 13:05:04

“Il Governo dichiara irricevibile il piano del gruppo Arcelor Mittal e Marcegaglia ma in sede di aggiudicazione dell’Ilva avevamo già denunciato questo come atto irresponsabile perché di fatto dichiarava migliaia di esuberi”. È quanto afferma il segretario generale della Cgil Puglia a margine dell’incontro che si è tenuto al Ministero dello Sviluppo Economico e nel giorno del partecipatissimo sciopero degli operai a Taranto e Genova.

"All’epoca avevamo chiesto un supplemento e approfondimento di discussione direttamente con il Presidente del Consiglio e il Ministro. Il Governo e il Mise hanno proceduto senza tenere conto del ruolo del sindacato e sottovalutando le gravi implicazioni di natura sociale e ambientale che le scelte assunte avrebbero provocato sul territorio tarantino. Chiediamo ancora oggi di dare ascolto a chi vive la fabbrica ogni giorno e opera nell'esclusivo interesse del futuro produttivo, dei lavoratori, del territorio, costruendo una solida alleanza tra lavoratori e città. Difendendo i livelli occupazionali e salariali e procedendo speditamente sul piano del risanamento e della sostenibilità. Continueremo nelle nostre giuste rivendicazioni per impedire un ulteriore mortificazione dei lavoratori e dei cittadini, consapevoli come la vertenza Ilva sia fondamentale per i territori ma anche per l'intero paese che non può fare a meno di investire sulla siderurgia”


Condividi sul tuo social preferito